Menu Chiudi

MISANO WORLD CIRCUIT

La Casa del Motor Legend Festival 2019

L’autodromo e la sua storia

L’autodromo di Misano è stato progettato nel 1969 (3.488 mt) ed è sempre stato gestito da soggetti privati. Dopo tre anni dalla sua progettazione si avviò l’attività sportiva. Ai margini della pista, esistevano solo piccoli box aperti e una palazzina utilizzata esclusivamente dai servizi.

Misano World Circuit dal 1972 è il cuore pulsante di un territorio follemente appassionato a tutto ciò che corre veloce. Due e quattro ruote, camion e negli ultimi anni anche rally e flat track: da decenni il circuito esalta lo spettacolo dei motori ospitando ed organizzando eventi per un pubblico di oltre 600.000 persona provenienti da tutto il mondo.
E’ una storia fantastica che nasce nel 1972 con le attività sportive, mantenendo l’originale cicuito di 3.488 mt. progettato tre anni prima, sul quale per quasi vent’anni si sono vissute emozioni indimenticabili.

All’inizio degli anni ’90 partì un programma di ristrutturazione che a fasi successive ha garantito la disponibilità di un impianto sempre più efficiente. Nel 1993 la pista viene allungata a 4.060 metri, con la possibilità di utilizzare due versioni del circuito, ‘lunga’ e ‘corta’; si procede anche alla costruzione di una palazzina con nuovi box, sale di assistenza tecniche, salette di rappresentanza e una grande sala stampa di circa 600 mq.

Negli anni 1996 e 1997 viene attuato il secondo stralcio dei lavori di completamento della palazzina e dei box.

Nel 1998 la zona paddock viene ampliata sino a raggiungere un’area di 40.000 mq. Nel 2001 si conclude la costruzione del 1° lotto tribune per 5000 posti.
Misano World Circuit, impianto da sempre di proprietà privata, nel 2005 avvia un programma di radicale ristrutturazione e ammodernamento: viene realizzato un nuovo ingresso principale del circuito e nel 2006 anche il nuovo centro medico, un’area di 300 mq che rappresenta idealmente la scrupolosa e storica attenzione dell’autodromo ai temi della sicurezza.
A fine 2006 il circuito si dota di un nuovo tracciato, ancor più bello e sicuro, in grado di ospitare manifestazioni motoristiche al massimo livello mondiale. A tempo di record, in soli cinque mesi, e completati nel gennaio 2007, vengono svolti i lavori sulla pista, allungata a 4.180 mt con l’inversione del senso di marcia (ora in senso orario), ma anche sulle parti strutturali.
Gli ingressi al circuito diventano quattro, le tribune aumentano la loro capienza fino ad oltre 23.000 posti, la sala stampa rinnovata e ampliata a 320 postazioni. Insieme a questi lavori è cambiata la denominazione ufficiale dell’impianto, divenuta ‘Misano World Circuit’.

All’inizio del 2008 altri lavori di ammodernamento: viene realizzata una nuova corsia di uscita dai box lunga circa 250 mt, quindi un nuovo ingresso in pista con una modifica della ‘variante del rio’, che diviene più accentuata. Il circuito passa alla lunghezza attuale, di 4.226 mt.
Alla fine del rettilineo, in uno dei punti più spettacolari, viene anche realizzata un’altra tribuna da 3.000 posti, denominata ‘Brutapela’, che svolge anche una funzione di barriera antirumore.
L’impianto arriva alla capienza attuale di 75.000 visitatori, dei quali 26.000 sulle tribune. L’impianto ospita anche gare notturne, grazie ad un moderno impianto artificiale composto da 17 torri faro, provviste di un autonomo gruppo elettrogeno.

Dopo la scomparsa a Sepang del popolare ‘Sic’, che proprio a Misano aveva cominciato la sua carriera motociclistica, nel 2012 il circuito ha assunto la nuova denominazione: ‘Misano World Circuit Marco Simoncelli’.
A fine 2014 l’impianto ha aggiunto una nuova proposta per gli appassionati dei motori con l’Arena Flat Track MWC, pista non asfaltata e ricavata all’interno del tracciato con una lunghezza di oltre 1000 mt. e dedicata all’utilizzo per moto e auto. L’Arena ospita gara nazionali e internazionali ed è sede di allenamento per tanti campioni del Motomondiale.
A inizio 2015, in concomitanza con la completa riasfaltatura della pista internazionale e la realizzazione di due nuovi raccordi, la pista di MWC ha assunto una fisionomia modulare ed i 4226 mt del circuito offrono ora la possibilità di proporre due nuove versioni per soddisfare ulteriori necessità sportive e commerciali.
Nasce quindi la ‘Brutapela Track’, da 986 mt, posizionata a ridosso della omonima tribuna che scalda il tifo in occasione delle grandi competizioni mondiali. La Brutapela Track occupa la zona del Rio e la variante del Parco con le sue sette curve.
La seconda pista che può essere ricavata è stata denominata ‘3.5 Track’, è lunga 3.211 mt con nove curve. La prerogativa che balza agli occhi è la grande visibilità garantita per chi occupa le tribune del rettilineo e lungo il circuito lungo il curvone e sul prato.
Ora Misano World Circuit propone una ineguagliabile offerta complessiva. Cinque le piste disponibili: le due appena realizzate, l’Arena Flat Track inaugurata ad inizio 2015 e già punto di riferimento per i cultori del Track Racing e degli allenamenti dei grandi campioni delle due ruote, nonché protagonista nel week end di altre gare ufficiali; infine la pista internazionale e la pista prove.
Ma il circuito misanese è sempre al lavoro. In vista del Gran Premio Tim di San Marino e della Rivera di Rimini sono state predisposte due nuove tribune: la Tribuna Misanino, che consente una ottima visibilità su uno dei tratti più spettacolari del Circuito, il cosiddetto “Curvone” e la Tribuna Tramonto, anch’essa a favore del “Curvone” oltre che della curva Quercia.
Con questi interventi la capienza di Misano Wordl Circuit supera ora quota 100.000 posti.
MWC si è distinto in questi anni per l’attenzione anche a temi di carattere sociale, dalla sicurezza sulle strade alla sostenibilità ambientale.
In particolare per quanto riguarda l’ambiente dal 2016 è stato promosso il programma KiSS Misano-Keep it Shiny and Sustainable, una serie di iniziative per sensibilizzare pubblico, team e piloti sull’importanza di adottare comportamenti sostenibili in senso sociale e ambientale. In occasione del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini è stato attivato un piano di comunicazione che ha invitato il pubblico ad arrivare al circuito utilizzando mezzi pubblici, car pooling, biciclette.
Inoltre, grazie ad accordi con operatori pubblici e privati della mobilità, sono state previste agevolazioni per l’utilizzo di treni, bus-navette, taxi, in alternativa o in combinazione con l’uso del mezzo privato. Tali iniziative si sono aggiunte a quelle già predisposte da Misano World Circuit per facilitare l’accesso alle persone con disabilità. Un altro obiettivo di KiSS Misano è stato quello di stimolare il pubblico che assisterà al Gran Premio ad effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti, per mantenere l’ambiente pulito, contrastare il fenomeno del littering (abbandono dei rifiuti) e lo spreco di cibo.

mappa

Condividi sui Social